In caso di decesso - Pompe funebri Allaria & Mauro

Cosa fare in caso di decesso

Decesso in abitazione

Nel caso in cui il decesso sia avvenuto in abitazione per cause naturali, occorre che i familiari avvertano immediatamente il medico curante per la constatazione dell’evento; qualora il medico sia irreperibile, è possibile rivolgersi alla guardia medica, al 118.

 

Nel caso invece in cui il decesso sia avvenuto per cause violente, occorre immediatamente avvertire le forze dell’ordine (112 o 113), che si occuperanno di effettuare i rilievi del caso e di chiamare il 118 per il trasporto della salma al DOS/Obitorio.

 

Decesso in luogo pubblico occorre immediatamente avvertire le forze dell’ordine (112 o 113), che si occuperanno di effettuare i rilievi del caso e di chiamare il 118 per il trasporto della salma al DOS/Obitorio

 

Decesso in ospedale o casa di cura

Nel caso di decessi in ospedale/case di cura, le incombenze successive al decesso sono effettuate dalle medesime strutture La famiglia deve successivamente ed in ogni caso rivolgersi ad una Agenzia di Onoranze Funebri, come alla Allaria&Mauro di Sanremo, per il disbrigo delle pratiche successive, per l’organizzazione del trasporto funebre e del seppellimento.

Cosa NON fare in caso di decesso

• Seguire i consigli “disinteressati” di infermieri, badanti o portinai troppo intraprendenti.

 

• Affidarsi alla prima impresa funebre che vi contatta dopo un decesso.

 

• Richiedere fin dall’inizio il cofano più costoso, i fiori più belli, senza avere metri di paragone.

 

• Lasciare libertà di prezzo per il funerale all’impresa funebre.

 

• Firmare documenti senza valutare cosa vi sia scritto e, tanto meno, “in bianco”.

 

• Richiedere o sollecitare favori da parte di pubblici funzionari, con mance o altri sistemi.

 

• Andare contro la volontà espressa in vita dal familiare deceduto qualora le sue scelte non coincidessero con quelle dei familiari.

Share by: